Piccoli Segreti e curiosità in cucina II parte


 

Se scongeliamo il pesce immergendolo nel latte, non noteremo assolutamente la differenza con il pesce fresco.

Per chi confeziona marmellate in casa: lavare i recipienti versandovi acqua bollente e poi asciugarli bene con un phon per capelli e per mantenere elastica la gomma del coperchio, pulirla con un panno imbevuto di glicerina.

Se la minestra è troppo salata, immergervi per dieci minuti due o tre fette di patata cruda che assorbirà l’eccesso di sale.

Non conservare mai la farina in un luogo troppo umido poiché si ridurrebbe la sua capacità di lievitare.

Per ottenere più succo da un limone, immergerlo in acqua bollente prima di spremerlo.

I funghi secchi si conserveranno meglio mettendoli in un vaso con sopra uno strato di sale grosso.

Per attenuare l’odore sgradevole dato dalla cottura di cavoli o cavolfiori, aggiungere all’acqua di cottura un pezzo di pane raffermo.

Per togliere la pellicina dalle nocciole, occorre tostarle leggermente in forno e poi sfregarle energicamente.

Per cuocere meglio insalata belga o cavolini di bruxelles, incidere il torsolo con un taglio a croce.

Per sbucciare facilmente i pomodori, farli prima sbollentare per 30 secondi in acqua bollente.

Per sformare meglio il dolce, capovolgere lo stampo su un piatto e scaldarlo con un canovaccio immerso in acqua bollente e ben strizzato.

Per dare più sapore all’uvetta che usiamo per i dolci: ammorbidirla con un po’ di brandy.

Se il cespo d’insalata è un po’ avvizzito, metterlo a bagno per una mezz’ora in acqua tiepida con il succo di un limone: si ravviverà.

Per togliere il fastidioso odore che si forma in una teiera o caffettiera che non si usa da tempo: lavarla, asciugarla e lasciarvi dentro una zolletta di zucchero per un giorno. Nella sola caffettiera si può usare un cucchiaio di caffè in polvere.

Quando si rassodano le uova, toglierle dal frigorifero almeno due ore prima, si eviterà così di crepare il guscio gelato al calore del fuoco. Se invece il guscio è già incrinato, aggiungere all’acqua di cottura un cucchiaio di aceto, si eviterà che l’albume esca e si spanda nell’acqua.

Per spellare al meglio i peperoni: farli abbrustolire sul fuoco, chiuderli in un sacchetto di carta e ancora in una busta di plastica per dieci minuti in tutto, quindi pelarli e lavarli.

Per togliere l’odore di aglio dalle mani, strofinarle con il prezzemolo.

Per mantenere verdi i fagiolini in cottura, aggiungere un pizzico di bicarbonato, in alternativa aggiungere un pizzico di farina.

Per eliminare bestioline indesiderate nel cavolfiore, immergerlo in acqua per circa mezz’ora con un po’ di aceto e gli “ospiti” usciranno allo scoperto finendo nell’acqua.

Per salare bene le patatine fritte: scolarle dall’olio e metterle in un sacchetto di carta da pane, spolverizzarle di sale e chiudere il sacchetto scuotendolo ripetutamente. Il sale si distribuirà in maniera uniforme e l’unto verrà assorbito dalla carta.

Per togliere dalle mani lo sgradevole odore di cucina è sufficiente mettere un cucchiaio di senape nell’acqua tiepida in cui vengono lavate.

Per sgrassare perfettamente le stoviglie, usare l’acqua di cottura delle patate.

Categorie: Lo sapevate che..., Rubriche

Autore:civifood

Appassionato di Enogastronomia e del proprio territorio

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: